Recensione di Oltre le scale di Lorrie Moore - Leggendo Romance



BLOGTOUR



FREEBIES

Un libro per...

Recensione di Oltre le scale di Lorrie Moore

Review party Oltre le scale, romanzo di Lorrie Moore, pubblicato da La nave di Teseo

Oltre le scale di Lorrie Moore
Copia digitale fornita dalla casa editrice
Buon venerdì, anche oggi è tempo per una nuova recensione. Questa volta vi parlo di Oltre le scale, il romanzo scritto da Lorrie Moore.

Definirei questo un romanzo che racconta la crescita personale della sua protagonista e che, nel frattempo ci fa entrare in dinamiche sociali, religiose e famigliari capaci di farci riflettere.

OLTRE LE SCALE
Lorrie Moore

Oltre le scale di Lorrie Moore

Serie: Autoconclusivo
Genere: Narrativa Contemporanea
Editore: La nave di Teseo
Prezzo cartaceo: €. 14,25
Prezzo ebook: € 7,99
Pagine: 388
Link d’acquisto: La nave di Teseo


Tassie Keltjin ha vent’anni e si è appena trasferita all’università, alla ricerca di nuovi orizzonti che non fossero quelli della sua cittadina agricola del Midwest dov’è cresciuta. Qui incontra un ambiente stimolante fatto di libri, film e discussioni culturali. Quando all’inizio del secondo semestre comincia a lavorare come babysitter per una famiglia affascinante e mondana si trova coinvolta sempre più nella loro vita e nel loro mondo uscendone trasformata per sempre. Dopo anni, nonostante la vita e l’amore l’abbiano portata altrove e fatta crescere, inaspettatamente, passato e presente si incontrano di nuovo. Con la sua scrittura acuta e ironica e la sua capacità di creare personaggi profondi e sfaccettati, Lorrie Moore riesce a descrivere con precisione e senza indugi lo stato d’animo e le difficoltà degli Stati Uniti dopo l’11 settembre 2001, tracciando un ritratto della società americana divisa tra le sue ambiguità, le sue speranze e le sue paure.

     LA MIA OPINIONE

Protagonista

Quando conosciamo Tassie è una giovane studentessa universitaria che ancora non ha ben chiare le situazioni della vita.  Poi la sua decisione di trovare un lavoro come baby sitter la porta a casa di Sarah e del marito, una coppia benestante del Middwest che sta cercando di adottare una bambina. Ciò che sin da subito si comprende è la differenza che esiste tra tutto ciò che ha sempre immaginato Tassie e la realtà con cui viene in contatto e che, spesso, la porta a non essere d'accordo con gli atteggiamenti e i comportamenti ai quali si trova ad assistere.

Tassie è ancora giovane, ha dei sogni, crede nell'amore e nella semplicità; nella nuova famiglia capirà che a volte le apparenze nascondono verità molto diverse, che non tutto è favola, ma che ogni giorno ci sono situazioni, convinzioni da affrontare.

La storia

La storia di Tassie Keltjin quando lei, studentessa universitaria ventenne, arrivata dalla campagna e dalla semplicità per ritrovarsi nel mondo più cosmopolita dell'Università, trova lavoro come baby sitter presso una ricca famiglia che sta per adottare un bambino.

È da questo momento che Tassie viene a contatto con realtà fatte di amori disfunzionali, problemi interrazziali, perdita, convinzioni religiose. Tassie inizierà a confrontarsi con una realtà diversa dai sogni che l'avevano accompagnata durante la sua vita nella casa famigliare di campagna, dal suo stretto rapporto con il fratello minore, i suoi giri in bicicletta e le le sue letture solitarie.

Stile dell'autrice

Lorrie Moore ha uno stile molto diverso da quelli a cui sono abituata e inizialmente potrebbe non essere semplice entrare appieno nella storia, il ritmo non è elevato sino a quando non arrivano a smuovere la situazione eventi inaspettati; ma è anche vero che ha una capacità narrativa che rende impossibile ritrovarsi indifferenti davanti alle emozioni e ai personaggi che ci racconta.

Le mie sensazioni

Devo ammettere che all'inizio il romanzo è impegnativo, l'autrice arriva al cuore della storia con calma, iniziando a presentarci la sua protagonista e tutte le sue sfaccettature in un modo quasi sognante, per poi entrare in lei in maniera sempre più approfondita.

Ho apprezzato il rapporto costruito tra Tassie e la piccola Emma-Mary, il suo esserne legata e farne quasi una seconda mamma. Grazie agli imprevisti e a questa esperienza lavorativa Tassie compie un profondo percorso personale di crescita, che le farà cambiare prospettiva e comprendere di più e di nuovo su di lei.

Le mie conclusioni

Oltre le scale è una lettura profonda, da assorbire con calma e adatta a chi cerca nelle storie la capacità di lasciarci dentro qualcosa di importante.










Simili che potrebbero piacerti

0 Commenti

Lasciami un commento, risponderò con piacere. Spunta la casella Inviami notifiche per essere avvisato via email dei nuovi commenti inseriti.

Info sulla Privacy

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge N°62 del 07/03/2001. Rare immagini sono tratte da internet, ma se il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro pronta rimozione. L'autore dichiara di non essere responsabile dei commenti lasciati nei post. Eventuali commenti dei lettori, lesivi dell'immagine o dell'onorabilità di persone terze, il cui contenuto fosse ritenuto non idoneo alla pubblicazione verranno insindacabilmente rimossi.

Contenuti © Deborah - Leggendo Romance e non solo